Il progetto GNOME chiude il 2013 con quarantaseimila bug aperti

Gnome

Secondo quanto riporta Phoronix il progetto GNOME, popolare desktop manager per le piattaforme Linux ormai giunto alla versione 3, ha chiuso l’anno 2013 con quarantaseimila bug report in stato “open”.

E’ chiaro come maggiore è la popolarità del programma, maggiori sono le segnalazioni, ma certo è che una cifra così alta fa indubbiamente riflettere e riapre l’antica diatriba sul progetto GNOME che, giunto alla versione 3, ha incassato tante critiche da meritarsi una pagina di Wikipedia che le riassume tutte, chiamata per l’appunto “Controversy over GNOME 3“.
Fonti autoritarie (Linus Torvalds su tutti) hanno da sempre criticato la nuova versione del desktop manager che si staccava nettamente dalla versione 2, pur riconoscendo (di nuovo, lo stesso Torvalds) come con il tempo e le nuove release i miglioramenti fossero notevoli.

La questione rimane aperta. Quarantaseimila bug denotano poca qualità in un progetto? E’ bene orientarsi verso altre piattaforme (vedi KDE)? E’ bene rimanere ancorati al passato (vedi il progetto MATE)? Certo è che i ragazzi del team di Gnome avranno di che lavorare per il 2014!

L’articolo di Phoronix: http://www.phoronix.com/scan.php?page=news_item&px=MTU2NTY

Da sempre appassionato del mondo open-source e di Linux nel 2009 ho fondato il portale Mia Mamma Usa Linux! per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo del pinguino, con particolare attenzione alle tematiche di interoperabilità, HA e cloud.
E, sì, mia mamma usa Linux dal 2009.