Tag: GitHub

Volontari per Python: c’è da spostare il bug tracker su GitHub

La Python Software Foundation (PSF) fa sapere, con questo post sul blog, di aver preso la decisione di migrare l’elenco delle issue aperte per il celebre linguaggio di programmazione di Van Rossum da Roundup a GitHub. La proposta di trasloco è stata accettata circa un anno fa e il progetto di migrazione delineato. Ora tutto…
Read more

Per GitHub e GitLab la battaglia non è mai finita: chi offre gratis più feature?

Chi offre di più? A guardare gli annunci dei delle due aziende competitor in materia di code review, GitHub e GitLab, pare che il gioco sia diventato davvero questo. Infatti poco tempo fa GitHub ha annunciato come sarà possibile rendere i propri repository privati accessibili ad un numero illimitato di utenti. Lo ha spiegato Kelly…
Read more

I problemi di GitLab e GitHub: essere un provider di sistemi di controllo versione è complicato

Cosa accomuna GitHub e GitLab? Le due aziende, provider di servizi basati su Git, sono da sempre al centro della battaglia per la predominanza sul mercato dei sistemi di controllo di versionamento. La battaglia è da sempre stata serrata, a colpi di integrazione CI per arrivare ai riconoscimenti in seguito alla scoperta di bug. C’è…
Read more

L’applicazione mobile di GitHub opensource? Forse

GitHub, come ben sappiamo, è oramai sotto l’ala di Microsoft. Che questo sia un bene o un male lasciamo la sentenza alla community, ma di fatto molte delle decisioni oramai vengono prese in tal senso. Qualche giorno fa è stata rilasciata la nuova applicazione Mobile, che ci permette di tenere un clone dei nostri repository…
Read more

npm, l’azienda dietro al package manager Node, viene acquisita da GitHub, cioè da Microsoft

GitHub ha annunciato di aver acquistato l’azienda npm inc. che produce il package manager Node, il registry npm e la CLI npm. Tutti prodotti che avrete sentito nominare se vi è mai capitato di dover portare in produzione un’applicazione che fa uso di JavaScript. L’acquisizione fa rumore, perché dice molte cose, prima fra tutte il…
Read more

I frequenti disservizi di GitHub e le scuse del CEO

Sono tempi frizzanti per GitHub, se da un lato la piattaforma di proprietà di Microsoft si evolve ad un ritmo elevato, molti sono ormai anche i disservizi che, forse complice questa accelerazione, stanno toccando i numerosissimi utenti. Che la situazione sia tutt’altro che leggera lo dimostra il seguente tweet: Sincere apologies to all GitHub users…
Read more

Volete guadagnare scoprendo bug? Puntate su GitHub, GitLab paga meno

Abbiamo parlato spesso della rivalità tra le due aziende GitLab e GitHub. Sin dall’acquisizione di quest’ultima da parte di Microsoft i confronti fra le due aziende (e i due prodotti) sono sempre stati vibranti: dalla gestione della CI fino alle politiche di assunzione dei dipendenti e dei clienti. Infatti, come ogni rivalità che si rispetti,…
Read more

GitHub e il backup più importante dell’Umanità

GitHub lancia il programma “GitHub Archive Program”, con la missione di preservare il software open source per coloro che verranno dopo di noi. Per riuscire nell’impresa, si avvarrà di collaborazioni importanti e già ferrate in materia, tra cui la Long Now Foundation (l’associazione alle prese con la costruzione dell’ Orologio dei 10.000 Anni), Internet Archive…
Read more

GitHub vuole essere più aperto, a dispetto delle politiche di bando statunitensi

Delle politiche di bando dei paesi nemici degli Stati Uniti abbiamo parlato recentemente affrontando la questione relativa all’azienda GitLab, la quale, per bocca del suo CEO, si è professata aperta al business con ogni tipo di cliente, indipendentemente dalla provenienza o moralità. La retromarcia adottata subito dopo da GitLab, della quale abbiamo parlato, è stata…
Read more

Una class action contro GitHub accusa la società di incitamento… All’hacking!?

Antefatto: la gigantesca società finanziaria Capital One, che opera chiaramente ed ampiamente online, ha subito tra lo scorso marzo ed il 17 luglio un’importante data breach. Pare infatti che 106 milioni di dati relativi alle carte di credito di utenti statunitensi e canadesi abbiano visto i loro dati pubblicati. A compiere l’atto pare sia stato…
Read more