Raoul Scarazzini

Il patron di Canonical, Mark Shuttleworth, e la nuova vita dell’Ubuntu Community Council

La community di Ubuntu è ancora viva e attiva oppure Ubuntu rimane un progetto con un uomo solo al comando, Mark Shuttleworth? La discussione in merito all’argomento è stata avviata dall’utente bkerensa2 il quale, con un post all’interno dell’Ubuntu Community Discourse (un sito per il coordinamento del progetto Ubuntu), ha posto domande precise, titolando il…
Read more

Un marketplace di Red Hat (ma più che altro di IBM) per le applicazioni Kubernetes, pardon… OpenShift

Da dove scaricate le applicazioni per i vostri cluster Kubernetes (o OpenShift)? Compilate a mano? Avete dei repository locali che gestite in autonomia? E cosa succede quando operate in ambienti cloud ibridi, avete una sorgente da cui attingere che è sicura , efficiente ed affidabile? Ecco, se a qualcuna di queste domande avete saputo rispondere,…
Read more

I Debian Project Leaders hanno discusso il ban di Linus Torvalds… Sei anni fa. E i complottisti si scatenano.

“Ci vogliono vent’anni per costruirsi una reputazione e cinque minuti per rovinarla. Chi riflette su ciò, fa le cose diversamente” – Warren Buffett Chissà se Linus Torvalds ha mai tenuto a mente questa citazione attribuita a Warren Buffet prima di qualcuno dei suoi interventi coloriti. Verrebbe da dire di no, o magari sì, ma certamente…
Read more

Le migliori strisce di XKCD su Linux

A webcomic of romance, sarcasm, math, and language Un fumetto web di romanticismo, sarcasmo, matematica e linguaggio Vengono definite così dal loro autore, Randall Munroe, le strisce a fumetti XKCD (non un acronimo, non un nome che si può leggere, semplicemente una parola) che accompagnano dal 2005 i fruitori del web. Dedicando un occhio particolare…
Read more

GitHub presenta il suo Container Registry

Mentre ricorre il venticinquesimo anniversario di Windows 95 (ebbene sì, cari i miei vecchietti, lo spot Start me up ha ormai 25 anni!), il famosissimo urlo Developers! Developers! Developers! lanciato dall’allora CEO di Microsoft, Steve Ballmer, risuona più forte che mai. E dove si trovano tutti i developers? Chiaramente sulla piattaforma che è ormai proprietà…
Read more

Have I been pwned diventa OpenSource!

Con un annuncio sul proprio blog, Troy Hunt, creatore del progetto “Have I been pwned” (HIBP), ha annunciato la volontà di rendere open-source il codice base del progetto. Per quanti non sapessero cosa sia HIBP è presto detto: si tratta di un servizio che consente di capire, data l’immissione della propria email, se questa sia…
Read more

Tempo di compleanni nel mondo OpenSource: Debian, CPAN, Mutt e… Il Kernel Linux!

L’estate è da sempre un periodo prolifico per la creatività. Non a caso, parecchi progetti open-source celebrano i loro natali proprio in questo periodo. Si parte con Debian: il 16 agosto è stato celebrato il ventisettesimo compleanno della distribuzione community per eccellenza. La festa non ha mancato di coinvolgere gli utenti, come da usanza del…
Read more

Thunderbird non verrà impattato dai licenziamenti avvenuti nella Mozilla Foundation

Una delle maggiori preoccupazioni emerse da parte degli utenti di prodotti Mozilla, una volta letta la notizia dei licenziamenti in massa avvenuti all’interno della Foundation, ha riguardato il destino del clienti di posta Thunderbird. A gennaio avevamo parlato del passaggio di Thunderbird sotto MZLA Technologies Corporation tirando al contempo un sospiro di sollievo nel realizzare…
Read more

I manutentori del Kernel bocciano la patch di Paragon su NTFS da 27000 righe: la review è impossibile!

Esistono delle regole precise quando si vuole partecipare ad un progetto open-source, sono regole necessarie a fare in modo che gli sviluppi possano procedere in maniera pulita e lineare senza impattare la stabilità dei progetti a discapito dell’introduzione di nuove feature. Una regola su tutte è questa: meglio tante piccole patch piuttosto che una mastodontica.…
Read more

OpenEEW: prevenire terremoti con hardware e software OpenSource

Se pensate (come pensava il sottoscritto) che la prevenzione dei terremoti sia possibile solo mediante tecnologie impossibili da capire e strumentazioni complicate e costosissime è giunto il momento di ricredervi. Non solo è tutto più facile del previsto, ma è anche tutto open. La storia che racconta il buon Steven J. Vaughan-Nichols di ZDNet, inesauribile…
Read more