Autore: Raoul Scarazzini

Mirantis si compra l’azienda Docker. Un nuovo player Kubernets entra nel gioco. Bye bye OpenStack!

A quanti hanno letto sabato l’ultimo Saturday’s Talks dedicato ad OpenStack questo articolo non potrà che sembrare la perfetta quadratura del cerchio. In quella sede affermavo come Mirantis, dopo l’uscita di scena da parte di SUSE, rimanesse l’ultimo player OpenStack realmente attivo alternativo a Red Hat e Canonical sul mercato. Ma questo era prima di…
Read more

Quindi quante persone vogliono cambiare il nome a openSUSE? 42.

Ricordate il recente articolo “openSUSE cambierà nome? Forse, ma non si sa in cosa” nel quale vi raccontavamo del sondaggio indetto dal progetto openSUSE per capire se cambiare nome o meno al progetto? Bene, tutte le persone che si sono preoccupate di veder cambiare nome alla loro distribuzione preferita possono stare tranquille: 225 hanno votato…
Read more

Saturday’s Talks: confessioni pubbliche di un (ex) amante di OpenStack

C’è stato un momento della mia vita in cui ho creduto fortemente ad OpenStack. A partire dal 2015 ho lavorato al progetto per tre anni e mezzo continuativamente (precisamente alla CI e più precisamente al comparto high availability della CI creando il progetto tripleo-ha-utils), mi sono certificato come Red Hat OpenStack Certified Administrator e ho…
Read more

GitLab valuta blocchi per i dipendenti di nazioni “nemiche”

Si fa un gran parlare, in questo periodo di pseudo guerra fredda, di come le aziende IT americane debbano comportarsi con i paesi invisi agli Stati Uniti d’America. Molti si stanno interrogando sul tema e recentemente abbiamo parlato di due vicende che riguardano aziende direttamente concorrenti: GitLab ha infatti dovuto gestire una particolare controversia relativa…
Read more

GitHub vuole essere più aperto, a dispetto delle politiche di bando statunitensi

Delle politiche di bando dei paesi nemici degli Stati Uniti abbiamo parlato recentemente affrontando la questione relativa all’azienda GitLab, la quale, per bocca del suo CEO, si è professata aperta al business con ogni tipo di cliente, indipendentemente dalla provenienza o moralità. La retromarcia adottata subito dopo da GitLab, della quale abbiamo parlato, è stata…
Read more

openSUSE cambierà nome? Forse, ma non si sa in cosa

Il progetto openSUSE ha indetto una votazione per capire se cambiare il proprio nome oppure no. La motivazione principale sembra essere la volontà di convertire il progetto in una vera e propria fondazione, costituendo quindi una nuova entità legale. Vien da se come, oggi, l’insieme di nomi e loghi sia strettamente correlato all’azienda SUSE (specificamente…
Read more

Le falle nelle CPU Intel? Saranno con Linux per molto, molto tempo

I have nothing to offer but blood sweat and tears for dealing with Intel CPU’s security problems Non ho nulla di offrire a parte sangue, sudore e lacrime per gestire i problemi di sicurezza delle CPU Intel È con queste parole che Greg Kroah-Hartman, come riporta ZDNet, descrive la situazione attuale – parafrasando Churchill –…
Read more

Come stanno andando le cose tra Red Hat e IBM?

Se ve lo state chiedendo anche voi… Bene. Pare infatti che dopo l’acquisizione più grande nella storia dell’informatica, Red Hat abbia continuato a generare profitti come prima e tutto questo certifica come IBM abbia fatto la scelta giusta con l’acquisizione. A dire la verità però, il fatto che Red Hat fosse un’azienda profittevole non è…
Read more

Il pasticcio di GitLab che vuole prima fare business con tutti, anche con clienti moralmente discutibili, e poi ritratta

Abbiamo parlato spesso di GitLab in termini di prodotto, di come le innovazioni che sta apportando nell’ambito DevOps siano tante e sostanziali. Oggi però il motivo per cui parliamo di GitLab, questa volta in termini di società, è prettamente… Morale. Una patch di cui è stato effettuato il merge senza revisioni da parte di nessuno…
Read more

Google rimuove dal PlayStore l’app OpenSource WireGuard a causa di un link che chiedeva donazioni

WireGuard è un’applicazione open-source che permette di gestire VPN di cui abbiamo parlato in passato per via del suo processo di inclusione diretta nel Kernel Linux. È disponibile, tra le altre cose, nel play store di Google, gli utenti Android infatti possono scaricarla gratuitamente. Purtroppo è più corretto scrivere che gli utenti Android potevano scaricarla…
Read more