Google: UE all’attacco

google_logo

Da qualche giorno si parla dell’avvio di due procedure da parte della commissione antitrust dell’Unione Europea verso la nota azienda californiana.

Secondo quando riportato da varie news online, pare che l’UE voglia multare Google per almeno due motivi (entrambi conseguenza di un presunto “abuso di posizione dominante”):

  • Servizi shopping: l’accusa è che “favorirebbe sistematicamente il proprio prodotto per gli acquisti comparativi nelle sue pagine generali che mostrano i risultati delle ricerche”, ma potrebbero rientrare in questa accusa anche altri sistemi forniti (come le prenotazioni alberghiere o dei voli)
  • Android: le indagini stanno cercando di portare alla luce comportamenti sospetti, secondo i quali Google abbia fatto accordi anti-concorrenziali in cambio dell’utilizzo dei loro software e servizi

Ora, tutte queste sono solo (al momento) supposizioni su indagini ancora aperte, anche se il Financial Times già parla di multe fino a 6 miliardi di dollari.

Se da una parte Google si vede attaccata e accusata di sfruttare la propria posizione per favorire se stessa, dall’altra si cerca un’approccio più radicale.
In questo senso si sta muovendo la Francia, che cerca di far passare una legge che costringerebbe Google a fornire (non si sa ancora se solo al governo francese o pubblicamente) l’algoritmo del proprio motore di ricerca.

Insomma, sembra proprio che l’Unione Europea stia attaccando Big G su più fronti.

Utente Linux/Unix da più di 20 anni, cerco sempre di condividere il mio know-how; occasionalmente, litigo con lo sviluppatore di Postfix e risolvo piccoli bug in GNOME. Adoro tutto ciò che può essere automatizzato e reso dinamico, l'HA e l'universo container. Autore dal 2011, provo a condividere quei piccoli tips&tricks che migliorano il lavoro e la giornata.

Tags: ,