Privacy sotto l’ombrellone: 10 consigli utili dal Garante!

10 Abitudini Privacy

10 Abitudini PrivacyIn occasione della bella stagione, il Garante della Privacy avrebbe pubblicato un decalogo dal nome E-state in Privacy in cui vengono elencate 10 buone abitudini per mantenere al sicuro la nostra privacy anche in questa torrida estate, vediamole insieme!

  1. Attenti a quel tag!
    Quando si realizza un Selfie o una foto ai vicini di ombrellone, accertarsi sempre che questi vogliano effettivamente apparire nei vostri tag. A volte le persone non vogliono apparire in foto imbarazzanti ed inappropriate, ma vorrebbero semplicemente rilassarsi sulla loro sdraio. Prestare ancora più attenzione se nelle foto compaiono minori.
  2. Attenti a quei contatti!
    Spesso tra i nostri “amici” Social si nascondono contatti che non conosciamo di persona. Il più delle volte sono innocui, ma altre volte sono degli abili “Lupin” che snoccioleranno ogni informazione del vostro profilo per capire quando sarete fuori casa ed agire indisturbati! Quindi occhio a non condividere troppe informazioni sulle vostre prossime vacanze e magari prima di preparare la valigia, fate anche una bella “pulizia contatti”.
  3. Stop alla Geolocalizzazione.
    Questo terzo punto si ricollega a quanto detto sopra, non attivate la geolocalizzazione delle foto che posterete sui Social, attenti anche a disattivarla su dispositivi come Smartphone e Tablet. A volte, meglio non dire a tutto il mondo di non essere in casa in quel momento.
  4. Chiudiamo le porte di casa ed i profili sui Social!
    Per essere maggiormente sicuri, è consigliabile correggere il tiro anche sui post che pubblicherete, impostando la privacy predefinita su “Amici” e non “Tutti”, questo renderà la vita più complessa agli Stalker ed ai Ladri, che avranno maggiore difficoltà a carpire informazioni.
  5. Wi-Fi? Mezz’ora dopo i pasti.
    Siete nel vostro locale preferito, bel clima, buon cibo, buona compagnia. Perché non postare tutto su Facebook? Ma si sa, sebbene l’estate le offerte telefoniche siano più convenienti, a suon di Selfie i Giga finiscono, perché non usare la Wi-Fi offerta dal gestore del locale? Va bene, purché la si usi con moderazione e occhi aperti. E se non si è certi degli standard di sicurezza della rete? Meglio lasciar perdere ed evitare possibili attacchi. A volte meglio un Selfie in meno ed un conto E-banking più sicuro!
  6. C’è un App per tutto!
    I tempi cambiano e più nessuno usa la cartina turistica, quando si può avere tutto a portata di Touch. Bene, ma se la prima non rappresentava un rischio per la nostra vita privata, la seconda opzione potrebbe rivelarsi ben più ardita. Attenti quindi a scaricare guide di viaggio ed app sono dagli store ufficiali, che garantiscono un maggior livello di protezione contro virus e spam!
  7. Complimenti! Hai vinto una crociera!
    Quanti di voi hanno ricevuto un messaggio o una mail del genere, in cui si veniva gentilmente invitati ad inserire i propri dati personali e bancari per riscattare il magnifico premio? Beh, molti, ne sono sicuro!
    Quindi o siamo molto fortunati, oppure qualcuno sta tentando di portare a compimento un attacco di Pishing per svuotarvi il conto. Attenzione alle truffe, se malauguratamente doveste inserire i vostri dati sul portale incriminato, la fantomatica crociera potrebbe non essere così economica.
  8. Controllare: Acqua, Olio, Pressione delle gomme e Aggiornamenti.
    Cosa? Non sapete dove sono gli aggiornamenti nella vostra auto? Ma che avete capito, parlavo del vostro Smartphone! Prima di partire è bene aggiornare tutte le App e se disponibile, anche il sistema operativo, per essere sicuri di avere la maggior protezione possibile dai virus.
  9. Smartphone e Tablet: meglio se vuoti.
    Intendiamoci, avere la memoria libera non è utile solo ad avere più spazio per i vostri Selfie e no, i vostri dispositivi non hanno bisogno di “liberare la mente” in vacanza!
    Tuttavia questo può tornare molto utile in caso di furto o smarrimento del dispositivo. In tal caso il danno si limiterebbe al valore dell’oggetto perduto e non si estenderebbe al vostro conto in banca lasciato incautamente aperto sul vostro Smartphone o peggio ancora alle chat e i messaggi su Facebook. Perché a nessuno fa piacere che venga letta la propria corrispondenza, vero?
  10. Messaggi, che stress!
    Una volta erano le cartoline, ora sono i messaggi su Whatsapp, Telegram, Messenger, Hangout, ma quanti sono?! E che dire di quel contatto dal Burundi che ti ha scritto per conoscerti e che si trova a pochi km da te?
    Forse, nel dubbio meglio evitare di rispondere a certi messaggi da parte di sconosciuti, non credete?

Bene, è tutto! Se seguirete questi consigli la vostra Privacy sarà al sicuro e anche voi vi sentirete più rilassati e pronti a godervi le vostre meritate vacanze nel massimo relax!
Per le pallonate dei bambini che giocano sulla spiaggia non garantiamo!

Tags: , ,