Google acquisisce il team di HTC Talent per 1 miliardo di dollari

Erano giorni ormai che i rumors di una possibile acquisizione di HTC da parte di Google aleggiavano nell’aria ed oggi la conferma ufficiale: per la modica cifra di 1,1 miliardi di dollari, Google si porta a casa parte del personale della divisione hardware di HTC.

With this agreement, a team of HTC talent will join Google as part of the hardware organization. These future fellow Googlers are amazing folks we’ve already been working with closely on the Pixel smartphone line, and we’re excited to see what we can do together as one team. The deal also includes a non-exclusive license for HTC intellectual property.

Con questo accordo, un team di HTC Talent si unirà a Google come parte della divisione hardware. Questo futuri colleghi sono persone straordinarie con le quali abbiamo già lavorato a stretto contatto per gli smartphone Pixel, e siamo emozionati di vedere cosa saremo in grado di realizzare insieme come unico team. L’accordo include anche una licenza non esclusiva per le proprietà intellettuali di HTC.

HTC e Google hanno una partnership ormai decennale, quando nel 2008 HTC ha commercializzato negli Stati Uniti l’HTC Dream, il primo smartphone Android.

L’accordo con BigG sembra arrivare al momento giusto visto le condizioni in cui versa attualmente HTC. Questo miliardo di dollari sembra fare contenti un po’ tutti dunque: la casa taiwanese può prendere un attimo di respiro e continuare a produrre i suoi smartphone ed i suoi visori per la VR, mentre Google avrà a disposizione circa 2000 persone in più (e che avevano già lavorato per realizzare Pixel) per sviluppare i suoi dispositivi.

Non ci resta che attendere e vedere cosa realizzerà in futuro la casa di Mountain View dopo questa team acquisition!

Affascinata sin da piccola dai computer (anche se al massimo avevo un cluster di Mio Caro Diario), sono un'opensourcer per caso, da quando sono incappata in Mandrake. Legacy dentro. Se state leggendo un articolo amarcord, probabilmente l'ho scritto io.

Tags: ,