Ubuntu inizierà a collezionare dati dagli utenti

Con l’arrivo di Ubuntu 18.04 LTS, previsto per fine Aprile di quest’anno, abbiamo già avuto modo di vedere come diverse novità arriveranno sui computer degli affezionati della distribuzione di Canonical.

Dall’abbandono di Unity in favore di GNOME, alla probabile presenza di default del sistema di pacchetti Snap, alla scelta di continuare con X.org invece di passare a Wayland, i sistemi forniti da Shuttleworth vedranno diversi cambiamenti, speriamo in meglio.

Una delle “feature” che però sta facendo storcere il naso a molti è stata data in questi giorni sulla mailing list ufficiale da Will Cooke, membro del team desktop di Ubuntu:

We want to be able to focus our engineering efforts on the things that matter most to our users, and in order to do that we need to get some more data about sort of setups our users have and which software they are running on it.

Vogliamo essere in grado di concentrare il nostro effort ingegneristico sulle cose che sono più importati per i nostri utenti, e per fare questo dobbiamo prendere più informazioni riguardo il tipo di installazioni che i nostri utenti hanno e quali software eseguono su di esse.

La soluzione su come questo probabilmente verrà fatto è dichiarata subito dopo:

We would like to add a checkbox to the installer, exact wording TBD, but along the lines of “Send diagnostics information to help improve Ubuntu”. This would be checked by default.

Vogliamo aggiungere una spunta all’installer, con testo ancora da definire in maniera definitiva, ma che sarà simile a “Invia informazioni diagnostiche per aiutare a migliorare Ubuntu”. Questo sarà selezionato di default.

L’idea è quindi chiara: avere un sistema di default (ma con possibilità di fare opt-out) che prende dati dai computer e li manda a Canonical, con lo scopo di analizzare l’uso dei sistemi Ubuntu e di quello che ci si installa sopra.

Ma quali sono questi dati? Tra quelli che spiccano di più abbiamo:

  • Versione e customizzazione (flavour) di Ubuntu
  • Informazioni sull’hardware (CPU, RAM, dimensione disco, risoluzione schermo, informazioni sulla GPU e sul produttore dell’hardware)
  • Posizione geografica del sistema (basandosi su quanto selezionato in fase di installazione dall’utente)
  • Informazioni sull’installazione (tempo impiegato, installazione degli update in fase di installazione, layout del disco)
  • Informazioni sulle metodologie di utilizzo del sistema e del software (auto login abilitato o meno, utilizzo di software di terze parti, attivazione del LivePatching)

Seppur si assicuri che queste informazioni non siano legate in tempo reale agli utenti effettivi (pare che l’indirizzo IP ad esempio non venga catturato), la perplessità cresce, soprattutto per il fatto che tutti questi dati saranno poi resi pubblici. La speranza è che non ci sia modo di associare i dati pubblicati con i reali utilizzatori, altrimenti si potrebbe intaccare seriamente la privacy degli utenti.

Generalmente l’uso di software open source è sinonimo di trasparenza, e l’annunciare con sufficiente anticipo le intenzioni così nel dettaglio fa pensare che le cose saranno fatte come si deve, ma in ogni caso ci viene chiesto di mandare parecche informazioni a loro (anzi, ci viene chiesto se NON mandare queste informazioni, di default la spunta sarà presente).

Voi cosa sceglierete?

Utente Linux/Unix da più di 20 anni, cerco sempre di condividere il mio know-how; occasionalmente, litigo con lo sviluppatore di Postfix e risolvo piccoli bug in GNOME. Adoro tutto ciò che può essere automatizzato e reso dinamico, l'HA e l'universo container. Autore dal 2011, provo a condividere quei piccoli tips&tricks che migliorano il lavoro e la giornata.

Tags: , ,