News Ticker

Solomon Hykes lascia Docker: il saluto del papà dei container.

Una settimana fa circa il fulmine a ciel sereno: Solomon Hykes abbandona Docker.

Per chi non lo conoscesse, seppure per l’esattezza non abbia inventato i container, sicuramente è stata la persona che più di tutti ha contribuito a renderli popolari ed uno standard de-facto su cui son nate e sono evolute una serie di altre tecnologie come Kubernetes, per citarne una.

Non si può iniziare a parlare del buon Hykes senza condividere il video di 5 minuti in cui, al PyCon 2013, presentò al mondo Docker, un tool che utilizzavano in dotCloud (società francese fondata da Hykes stesso), per gestire comodamente i container Linux:

Se come dotCloud fornivano servizi per la gestione di applicazioni scalabili usando questa “nuova” tecnologia chiamata container, la presentazione di Docker cambiò il target: finalmente un semplice tool poteva gestire tutto dal network al filesystem, dai namespace dei processi ai cgroup per la gestione delle risorse. Questo fece esplodere il fenomeno al punto che, 5 anni fa, dotCloud cambiò nome come Docker.

Il buon Hykes, che ai tempi era il CEO di dotCloud, insieme alle altre 5 persone al lavoro, decise di assumere un nuovo CEO per Docker in grado di sostenere l’azienda e con esperienza nel ruolo, e si ritagliò il ruolo di CTO (Chief Tecnical Officer). E tutto ha continuato a crescere.

Ora la situazione si è nuovamente evoluta: con la crescita della base clienti di Docker (soprattutto della sua Docker Enterprise Edition), ed in generale della società, si è reso fondamentale trovare un nuovo CTO con l’esperienza necessaria sia al lavoro in team con Steve Singh (attuale CEO), che nella gestione tecnologica della società stessa. E così il ruolo di Hykes cambierà ancora: in un primo momento aiuterà a trovare il CTO ideale al compito e successivamente fornirà la consulenza allo stesso per capire come collaborare al meglio con il team tecnico già presente in azienda.

Sicuramente un ruolo che gli permetterà di mantenere un piede in Docker, lasciandogli però il tempo di continuare a lavorare su altro e chissà, magari, cambiare il mondo dell’IT un’altra volta.

Vi lasciamo al post ufficiale di Hykes sul blog, in cui spiega bene -seppur con un pochino di amarezza- i vari passaggi che l’hanno portato dove è adesso.

Utente Linux/Unix da circa 20 anni, cerco sempre di condividere il mio know-how ed, occasionalmente, litigo con lo sviluppatore di Postfix. Adoro tutto ciò che può essere automatizzato e reso dinamico, l’HA e l’universo container. Autore dal 2011, provo a condividere quei piccoli tips&tricks che migliorano il lavoro e la giornata.