Amazon si stufa della lentezza statunitense ed avvia la consegna via drone in Canada

amazon

All’annuncio sembrava essere un pesce d’aprile (visto che siamo in tema): lo scorso anno Amazon presentò una soluzione in grado di effettuare consegne mediante droni, il così detto Amazon Prime Air:

Affascinante ed innovativa, questa soluzione ha presentato da subito una serie di problematiche tecnico pratiche non indifferenti, tanto da portare il governo statunitense a tergiversare in merito alla legiferazione in materia. Ecco quindi che Amazon sceglie di portare avanti il progetto in Canada.
E’ notizia di oggi il fatto che Amazon abbia avviato un programma di test del sistema nella terra della foglia d’acero.

Sebbene poco attinente con i nostri soliti argomenti la notizia è ghiotta, è uno sguardo sul futuro di quanto ci aspetta nei prossimi anni: funzionerà? Potrà avere una sua dimensione all’interno di un contesto aereo ultra blindato e pieno di no-fly-zones come quello americano? E soprattutto, una volta realmente sul mercato, quanti compreranno dei fucili ad aria compressa per abbattere i droni ed impossessarsi della loro preziosa mercanzia?

Domande che rimarranno in sospeso fino a quando, una volta acquistato il nostro prodotto, potremo scegliere l’opzione Prime Air tra le modalità di spedizione.

Da sempre appassionato del mondo open-source e di Linux nel 2009 ho fondato il portale Mia Mamma Usa Linux! per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo del pinguino, con particolare attenzione alle tematiche di interoperabilità, HA e cloud.
E, sì, mia mamma usa Linux dal 2009.

Tags: ,