News Ticker

RedHat annuncia il supporto storage a Manila, un filesystem condiviso e distribuito per OpenStack

Nel corso dell’OpenStack Summit 2015 svoltosi a Vancouver (e di cui sono disponibili numerosissimi video relativi ai keynote), Red Hat ha presentato il supporto della propria piattaforma storage a Manila.
Manila è uno dei nuovi progetti OpenStack il cui obiettivo è quello di fornire ad una infrastruttura OpenStack un servizio storage basato su file.
Il funzionamento di questo prodotto è così riassunto:

Lo spazio è prodotto dal sistema storage sfruttando quanto a disposizione fra gli hypervisor dell’ambiente virtualizzato, in modo da ottimizzare accessi, spazio e scalabilità.

Come noto, Red Hat possiede già un prodotto storage basato su file, chiamato Red Hat Gluster Storage, il quale si occupa di fornire all’interno dell’infrastruttura in cui opera spazio disponibile e facilmente scalabile. Bene, nella technology preview all’OpenStack summit Red Hat ha mostrato l’integrazione di Manila all’interno di Red Hat Gluster Storage:

The goal is to make it so storage servers can be added or removed from the system dynamically and the data remains online while the system re-balances across the available hardware.

(L’obiettivo è di fare in modo che i server storage possano essere aggiunti o rimossi dal sistema dinamicamente mantenendo i dati online mentre il sistema bilancia di nuovo attraverso l’hardware disponibile)

L’unione quindi dei due prodotti porterà allo sfruttamento delle qualità di entrambi: la compatibilità di Manila con gli ambienti OpenStack che sfrutta il backend fornito da Red Hat Gluster Storage la cui scalabilità garantisce una gestione dinamica dello spazio a disposizione. Nuova linfa per il software storage i cui investimenti, come recita il sito di Manila (basandosi su una ricerca IDC), raggiungeranno i 34,6 miliardi di dollari nel 2016.