Microsoft Windows Server 2019 supporterà al meglio Linux e Kubernetes

In un recente post sul blog di Windows Server, Microsoft ha annunciato Windows Server 2019 e per gli utenti Linux sono solo buone notizie.

Gli ambiti principali in cui vengono descritti i miglioramenti sono i seguenti:

  • Hybrid cloud scenarios: integrazione completa dei diversi progetti all’interno del contesto Azure;
  • Security: le shielded virtual machines, speciali VM il cui accesso è consentito solamente attraverso le così dette guarded fabric (interfacce sicure specifiche), introdotte con Windows Server 2016 supportano ora Linux.
  • Application Platform: moltissimi i miglioramenti al Windows Subsystem di Linux (WSL, di cui abbiamo parlato spesso) con un’attenzione particolare al porting degli script Linux in Windows, applicando standard basati su OpenSSH, Curl e Tar. Un’altra grossissima novità è rappresentata dal supporto beta a Kubernetes, con moltissime componenti aggiornate per interagire con i cluster Kubernetes.
  • Hyper-converged infrastructure (HCI): aggiornamenti introdotti in ottica scale, performance e affidabilità per fornire il supporto a quello che sta diventando uno standard di mercato, ossia l’utilizzo del pieno potenziale (quindi multi funzione) delle macchine utilizzate.

La disponibilità di Windows Server 2019 sarà a partire dalla seconda metà del 2018 e sarà una versione LTS, con lo stesso supporto esteso che hanno RHEL e Ubuntu.

Da sempre appassionato del mondo open-source e di Linux nel 2009 ho fondato il portale Mia Mamma Usa Linux! per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo del pinguino, con particolare attenzione alle tematiche di interoperabilità, HA e cloud.
E, sì, mia mamma usa Linux dal 2009.

Tags: , , , , ,