Annunciato Fedora CoreOS

Red Hat ha acquisito CoreOS ad inizio anno ma fino a maggio non aveva ufficializzato i suoi piani su come includere CoreOS e le sue tecnologie nella propria offerta.

Oggi Mattthew Miller, a capo del Fedora Project, ha annunciato Fedora CoreOS, una notizia molto importante per la community e per Red Hat stessa visto che questo progetto servirà come base per le future release di Red Hat CoreOS.

Fedora CoreOS si baserà ovviamente su Fedora ma sarà sviluppato in maniera diversa. Inutile dire che questa versione è destinata a rimpiazzare completamente Container Linux (CoreOS) che comunque Red Hat si è impegnata a supportare per tutto il 2018, in particolare per quanto riguarda le migrazioni.

Salutiamo anche Fedora Atomic Host, rimpiazzata da questa nuova versione che mira a combinare tecnologie come l’hardening di SELinux (presente su Atomic) e Ignition (presente su CoreOS). L’obbiettivo finale è quello di offrire una soluzione ottimale per workload scalabili.

Fedora CoreOS verrà rilasciato con supporto per innumerevoli piattaforme:

  • AWS
  • Azure
  • DigitalOcean
  • OpenStack
  • QUEMU
  • VirtualBox
  • VMware

Al momento tutto è ancora in fase di definizione (la pagina web dedicata al progetto è praticamente vuota) ma a brevissimo saranno disponibili i download.

Sysadmin | Website

Affascinata sin da piccola dai computer (anche se al massimo avevo un cluster di Mio Caro Diario), sono un'opensourcer per caso, da quando ho scoperto che potevo usare qualcosa di simile a Unix sul mio pc: Linux. Sono legacy dentro e sono affezionata a cose come i mainframe ed altre vetustaggini. Se state leggendo un articolo amarcord, probabilmente l'ho scritto io.

Tags: ,