Microsoft assume un veterano dell’OpenSource

Lo sappiamo, adesso Microsoft ama Linux e l’open source. Dal pubblicare il codice di diversi suoi software (da VSCode fino a Calcolatrice), a supportare e pubblicare le specifiche di exFAT (ne parlavamo qui), fino a distribuire un intero kernel Linux custom all’interno di WSL, l’azienda di Redmond è oramai chiaro che ha deciso di aprire i battenti a quello che, fino a poco tempo fa, era stato prettamente il “nostro” mondo.

Tutto questo “cambiamento” è in gestione ad un team ben definito all’interno dell’azienda, denominato Microsoft Open Source Programs Office; nonostante l’impegno, però, quello che mancava -forse- era un leader del gruppo che avesse ben chiaro, se non altro per esperienza, della visione di questo piccolo-grande mondo fatto di codice aperto e condivisione.

“Problema” forse risolto qualche giorno fa quando, tramite un tweet dal suo account, Stormy Peters ha annunciato la sua assuzione da parte di Microsoft come responsabile proprio di questo ufficio.

Ma chi è Stormy Peters? Non si può che definire una veterana dell’open-source che ha ricoperto ruoli degni di nota nell’ultimo decennio, a partire dal 2008 quando è diventata direttore esecutivo della GNOME Foundation (della cui board of directors ha fatto parte nel 2011 e 2012) .

Successivamente è andata a lavorare per Mozilla come direttrice del Mozilla Developer Network e, contemporaneamente si è occupata, sempre nel ruolo di direttrice, del Software Freedom Conservancy, un gruppo no-profit che si occupa della difesa e della promozione di progetti FLOSS (Free, Libre and Open Source Software). Tutto questo fino a fine 2016, quando entrò nelle file di Red Hat come Senior Manager per la parte community.

Insomma, sicuramente Microsoft si è portata in casa una persona che non solo ne mastica di open source, ma che è in grado anche di valutare gli aspetti legali ed organizzativi necessari a gestire correttamente il codice aperto.

E chissà, magari spingerà per un’apertura ancora maggiore, a beneficio di tutti. Solo il tempo ce lo dirà.

Tags: ,