Raspberry Pi Foundation ha venduto 600 mila unità Pico ed il suo chip RP2040 è venduto a… 1 dollaro!

Ricordate RaspberryPi Pico, il microcontrollore di cui vi avevamo parlato a febbraio? È forse il computer a scheda singola (SBC) più economico sul mercato (costa infatti 4 dollari), e monta il chip RP2040 dedicato allo sviluppo embedded.

Da quando è stato immesso sul mercato all’inizio dell’anno, la RaspberryPi Foundation ha annunciato di aver venduto seicentomila unità, aspettandosi al contempo di venderne più che altrettante, nella fattispecie settecentomila, entro la fine dell’anno.

Ma non è finita qui. Il chip che rappresenta il cuore del RaspberryPi Pico, l’RP2040 di cui parlavamo, composto da due core ARM Cortex-M0+ che viaggiano a 133MHz ed una RAM da 264KB, verrà venduto anche come unità a se stante all’incredibile cifra di… Un dollaro.

Il motivo risiede nella domanda che i creatori di hardware hanno manifestato verso la fondazione, il chip RP2040 infatti si adatta ad implementazioni custom che esulano dal suo indirizzo primario, quindi all’interno di RaspberryPi Pico.

Ora, leggendo Phoronix si capisce che la RaspberryPi Foundation si aspetta un cospicuo volume di ordini in merito al chip… Quanti questi saranno lo vedremo, ma se i numeri sono quelli del Pico, il prossimo orizzonte saranno le stelle. Ah no, lì ci sono già stati 🙂

Da sempre appassionato del mondo open-source e di Linux nel 2009 ho fondato il portale Mia Mamma Usa Linux! per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo del pinguino, con particolare attenzione alle tematiche di interoperabilità, HA e cloud.
E, sì, mia mamma usa Linux dal 2009.

Tags: , , ,