Vuoi provare Windows11? Installa Linux ed usa Windowsfx!

Beh, oramai sono lontani gli anni di MiaMammaUsaWindows, ma perché non divertirsi perlomeno a provare la sensazione di utilizzare Windows 11 senza allontanarci troppo dal nostro amato pinguino?

E’ quello che hanno pensato i creatori di Windowsfx quando hanno creato una distribuzione che si presenta con il seguente motto:

The Microsoft Windows 11 interface with the speed and security of Linuxfx

L’interfaccia di Microsoft Windows 11 con la velocità e la sicurezza di Linuxfx

Al momento il sistema è ancora in tech preview, ma già è possibile capire dove vorrà andare a parare, e la cosa interessante è che non si tratta solo di avere un’interfaccia similare a quella del nuovo sistema operativo di Redmond, ma anche di una serie di accorgimenti a livello di distribuzione atti a cercare di replicarne anche le funzionalità.

Ma partiamo dall’ovvio: l’interfaccia è una versione parecchio personalizzata di KDE Plasma che mima in tutto e per tutto quella del famoso OS di Microsoft e la distribuzione è disponibile in due versioni: una gratuita, che include tutte le funzionalità base ed una trial di 30 giorni delle risorse WxDesktop, ed una “professional edition” del costo di 20$ che mette a disposizione:

  • Impostazioni di sistema e tool WxDesktop
  • Assistente vocale
  • Supporto a MS Active Directory
  • Supporto a OneDrive all’interno del file manager
  • Tutte le risorse WxDesktop

L’installazione pare essere non dissimile da una qualsiasi installazione Linux moderna, semplice e lineare, anche se la decisione (consigliata) di installare i componenti di compatibilità Windows richiederà un 30/60 minuti aggiuntivi per completarla. Se consideriamo però che attiva il supporto a diversi componenti .msi e .exe (tipicamente presenti nel solo mondo Microsoft), è sicuramente una componente interessante da valutare.

La distribuzione inoltre prevede una serie di software dal sapore tipicamente “microsoftiano” pre-installati:

  • Microsoft Teams
  • Helloa (un clone di Cortana)
  • Audacity
  • La versione online di Microsoft Office
  • Powershell
  • Spotify
  • Visual Studio Code

Se guardate un pochino sotto il confano notate sicuramente che la distribuzione è basata su Ubuntu con desktop Plasma ed il layer Wine di compatibilità e, da quanto si dice, pare sia particolarmente indicata per chi vuole iniziare ad esplorare il mondo Linux senza lo shock (se di shock possiamo parlare) di trovarsi in un ambiente completamente alieno.

Ricordiamo trattarsi di una Tech Preview, quindi non esente da problemi. Tra i più discussi sulla rete abbiamo:

  • L’applicazione terminale non riconosce correttamente il layout della tastiera del sistema. Questo è facilmente risolvibile con i normali comandi da terminale, ma se consideriamo l’orientamento dell’OS può essere un bello scoglio.
  • Discover, che si occupa degli aggiornamenti, li esegue in background dopodichè riavvia il sistema senza dare scelte a riguardo. Seppur il comportamento sia davvero Windows-like, è una di quelle cose che molti utenti sarebbero contenti di abbandonare.

L’inizio comunque è buono, e se può portare nuovi utenti nel nostro mondo, perchè no?

Utente Linux/Unix da più di 20 anni, cerco sempre di condividere il mio know-how; occasionalmente, litigo con lo sviluppatore di Postfix e risolvo piccoli bug in GNOME. Adoro tutto ciò che può essere automatizzato e reso dinamico, l'HA e l'universo container. Autore dal 2011, provo a condividere quei piccoli tips&tricks che migliorano il lavoro e la giornata.

Tags: , ,