SteamDeck è arrivata, ma alcuni produttori si tirano indietro

In questo periodo sta avvenendo, soprattutto in Italia, il primo round di consegne della tanto attesa Steam Deck, la console portatile di Valve che, seppur basata su Linux, promette grazie a progetti come Proton di portare la maggior parte della libreria Steam anche in mobilità.

Se per molti l’entusiasmo di continuare a giocare ai propri giochi preferiti anche “in trasferta” è già di per se più che sufficiente, l’idea che appunto questa console sia basata su Linux e che riesca a far girare molto bene anche molti giochi per Windows è la chiara prova che oramai il nostro sistema operativo non è solo pronto ma anche consolidato come piattaforma di gaming.

Purtroppo queste notizie vengono però sempre affiancate da qualcosa che lascia un pochino l’amaro in bocca.

L’ultima boutade è di Bungie per il suo titolo Destiny 2 che, secondo quanto affermato dall’aziena stessa, non sarà supportato per l’uso sulla console di Valve.

Destiny 2 is not supported for play on the Steam Deck or on any system utilizing Steam Play’s Proton unless Windows is installed and running. Players who attempt to launch Destiny 2 on the Steam Deck through SteamOS or Proton will be unable to enter the game and will be returned to their game library after a short time.

Players who attempt to bypass Destiny 2 incompatibility will be met with a game ban.

Destiny 2 non è supportato per il gioco su Steam Deck o su qualsiasi sistema che utilizza Steam Play Proton, a meno che Windows non sia installato ed in esecuzione. I giocatori che tenteranno di lanciare Destiny 2 sullo Steam Deck tramite SteamOS o Proton non potranno entrare nel gioco, e torneranno alla loro libreria giochi dopo poco tempo.
I giocatori che tenteranno di aggirare l’incompatibilità di Destiny 2 verranno bannati dal gioco.

Parrebbe quindi che il problema non sia “tecnico”, bensì che sia una vera e propria scelta commerciale dell’azienda stessa, peraltro non motivata.

L’articolista di The Verge ha chiesto per diverso tempo a Bungie riguardo il supporto sulla console di Valve e, più in generale, su Linux, soprattutto considerando che Destiny 2 sarebbe parecchio indicato per quella piattfaorma.

L’assenza di una motivazione tecnica è dimostrabile: se consideriamo che il titolo è stato portato per Google Stadia, anch’essa basata su Linux, di fatto Destiny 2 è già disponibile per il pinguino e, seppur non giri al meglio, è più che giocabile.

Purtroppo Bungie non è l’unica azienda ad imporsi in maniera così netta contro questa nuova console, la stessa Epic Games ha smesso di aggiornare Fortnite (altro titolo ad ampia user-base) per la console, anche lei senza dare spiegazioni a riguardo.

Se consideriamo che altri titoli molto importanti del momento, come Apex Legends -sempre della Epic- e Elder Ring sono completamente compatibili e disponibili per la Steam Deck, sembra che questo “simil-ban” sia limitato a diversi titoli multiplayer, che ancora non sono atterrati sul dispositivo.

Purtroppo né Valve né le aziende produttrici hanno ancora risposto alle richieste di chiarimento. La speranza per tutti è che prima o poi questi problemi “politici” si risolvano per il bene di tutti i giocatori… anche quelli con Linux.

Utente Linux/Unix da più di 20 anni, cerco sempre di condividere il mio know-how; occasionalmente, litigo con lo sviluppatore di Postfix e risolvo piccoli bug in GNOME. Adoro tutto ciò che può essere automatizzato e reso dinamico, l'HA e l'universo container. Autore dal 2011, provo a condividere quei piccoli tips&tricks che migliorano il lavoro e la giornata.

Tags: , ,