Contrordine, OpenStack non solo non sta morendo, ma è in una fase di crescita esplosiva. Almeno secondo… OpenStack!

1

Non più tardi dello scorso marzo abbiamo parlato, come in verità facciamo da sempre, dello stato di salute del progetto OpenStack, il principale sistema open-source di Infrastructure as a Service (Iaas), raccontando di notizie piuttosto discordanti. Se infatti il parere comune è quello per cui OpenStack sia in realtà una tecnologia in declino, ed alcuni numeri lo dimostrano, dall’altro lato il suo utilizzo rimane forte principalmente nell’ambito delle aziende Telco.

Una situazione che, come raccontavamo, ci appariva (ed appare) un filo contraddittoria.

Stupisce enormemente quindi leggere il 2022 OpenStack User Survey, nella sostanza il report dello stato di salute del progetto fatto proprio dalla OpenInfra foundation (che ha preso il posto della OpenStack Foundation da ormai qualche anno), nel quale si racconta di una crescita nell’adozione di OpenStack di ben il… 166%!

Una crescita che, stando ai numeri, rispetto al 2021 rappresenta il 60%!

Inutile girarci intorno, sono numeri sbalorditivi, che cozzano terribilmente con quanto raccontato da TheNewStack proprio lo scorso marzo, che riportiamo per dovere di cronaca:

Se quindi a marzo i dubbi erano parecchi, oggi, a fronte dei dati commentati anche da ZDNet con toni trionfalistici, c’è davvero da perderci la testa.

Le ragioni di questa crescita, a prescindere dall’utilizzo da parte delle Telco, vengono suddivise tra il supporto all’hardware, che permette agli utenti di sfruttare i propri datacenter, fino a Linux OpenStack Kubernetes Infrastructure (LOKI), ossia Kubernetes deployato su OpenStack, che pare coprire l’85% dei deployment di OpenStack esistenti al mondo.

Ah, se ve lo state chiedendo, anche OpenStack ha il “suo” orchestrator di container, che si chiama Magnum, e se vi state chiedendo anche “perché mai se supporta Kubernetes?” la risposta è non lo sappiamo, così come non sappiamo perché questi numeri ribaltano totalmente la prospettiva e l’idea che ci eravamo fatti sulla tecnologia OpenStack.

Non rimane altro da fare che attendere un nuovo sondaggio, un nuovo annuncio, qualche altro studio che fornisca dei numeri per incrociare i dati e capire chi sta mentendo dove. Perché se è vero che la virtù sta nel mezzo, qui abbiamo due dati che sono agli antipodi e delle opinioni totalmente discordanti su quella che doveva essere la tecnologia dominante per il futuro.

Sono solo marchette? Siamo ciechi noi a non vedere lo stato delle cose? Una cosa è certa, staremo all’erta per capirlo.

Da sempre appassionato del mondo open-source e di Linux nel 2009 ho fondato il portale Mia Mamma Usa Linux! per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo del pinguino, con particolare attenzione alle tematiche di interoperabilità, HA e cloud.
E, sì, mia mamma usa Linux dal 2009.