Ubuntu viola le proprie best practice sui repository di sicurezza, puntando mirror anziché security.ubuntu.com

0

È un problema particolare che vale la pena di raccontare quello che affligge le installazioni di Ubuntu 23.04 e 22.04.3 LTS effettuate da aprile 2023 in poi. Come racconta Phoronix queste release non stavano seguendo le pratiche di sicurezza imposte da Ubuntu stessa, specificamente previste per i pacchetti nel proprio repository di sicurezza.

Colpevole del misfatto, già risolto, è il pacchetto Subiquity.

Subiquity è un pacchetto progettato principalmente per installare le versioni server di Ubuntu e fornisce un’interfaccia testuale basata su terminale per guidare l’utente attraverso il processo di installazione. Tra i suoi compiti quello di configurare i repository, inclusi proprio quelli di sicurezza che devono puntare direttamente a security.ubuntu.com invece che a dei mirror, cosa che invece il problema in questione provocava.

Anche se l’aggiornamento del pacchetto (Subiquity 23.09.1) è già stato pubblicato, agendo questo solamente in fase di installazione, per quanti hanno Ubuntu in essere riferite alle versioni citate, è consigliato modificare manualmente il file /etc/apt/sources.list affinché il repository di sicurezza punti direttamente a security.ubuntu.com.

Ecco cosa appare nelle note di rilascio del pacchetto:

This release addresses an issue (LP: #2033977) where the security pocket in sources.list can end up not configured matching documented best practices. It is recommended to configure the $series-updates to come from security.ubuntu.com, to minimize the effect of mirroring delays.
Affected systems will be ones installed with Ubuntu 23.04, 22.04.3LTS, or installs done since April 2023 that accepted the snap version update.
To correct systems already installed, please modify /etc/apt/sources.list, look for the lines containing -security, and update them to use http://security.ubuntu.com.

Questo rilascio affronta un problema (LP: #2033977) in cui la configurazione della repository di sicurezza in sources.list potrebbe non essere configurata secondo le best practice documentate. Si consiglia di configurare la repository $series-updates in modo che provenga da security.ubuntu.com, al fine di ridurre al minimo l’effetto dei ritardi sui mirror.
I sistemi interessati sono quelli installati con Ubuntu 23.04, 22.04.3 LTS o installazioni effettuate da aprile 2023 che hanno accettato l’aggiornamento della versione Snap.
Per correggere i sistemi già installati, si prega di modificare il file /etc/apt/sources.list, cercare le linee contenenti -security e aggiornarle per utilizzare http://security.ubuntu.com.”

Chiaramente questo bug è stato considerato di “importanza critica” e conviene a tutti fare un giro sui propri file di configurazione.

Sorprende apprendere di questa “leggerezza” compiuta da Canonical/Ubuntu, in particolare per via del fatto che le imposizioni e le best practice su questi repository sono frutto di strette regole interne.

Sorprendente e, come il figlio del calzolaio che va in giro con le scarpe bucate, un pochino inquietante.

Da sempre appassionato del mondo open-source e di Linux nel 2009 ho fondato il portale Mia Mamma Usa Linux! per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo del pinguino, con particolare attenzione alle tematiche di interoperabilità, HA e cloud.
E, sì, mia mamma usa Linux dal 2009.