Amazon farà il reboot del 10% dei propri server AWS. Il cloud è mobile!

aws

All’interno di un recente post sul blog AWS, Amazon ha segnalato come a breve necessiterà di effettuare il reboot di circa il 10% dei propri server.

Il motivo di queste operazioni è spiegato così:

These updates must be completed by October 1st before the issue is made public as part of an upcoming Xen Security Announcement (XSA).

(Questi aggiornamenti devono essere completati prima del primo ottobre, giorno in cui verrà reso pubblico un nuovo Xen Security Announcement)

Posto che sarà divertente vedere il contenuto dell’annuncio da parte di Xen, rimane il fatto che il 10% di tutte le macchine AWS verrà riavviata.

Lo spunto è interessante per affermare, se ce ne fosse bisogno ancora una volta, una realtà inconfutabile ma purtroppo quantomai sottovalutata: il cloud è volatile. Nei toni dell’annuncio di AWS l’operazione in questione appare assolutamente normale e così è in linea di principio per quelli che sono i presupposti del servizio.
I servizi cloud nascono proprio per essere volatili, per non ricoprire un ruolo di criticità nel singolo, ma scalare in numero e performance sulla collettività. Ed in linea teorica tutto funziona a meraviglia.

Eppure, nonostante tutti questi presupposti, è facilmente prevedibile come più di un sysadmin sarà costretto a lavorare per ripristinare servizi che in seguito ai reboot non saranno risaliti correttamente. Perché il cloud sarà anche mobile, ma le vecchie abitudini no.

Da sempre appassionato del mondo open-source e di Linux nel 2009 ho fondato il portale Mia Mamma Usa Linux! per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo del pinguino, con particolare attenzione alle tematiche di interoperabilità, HA e cloud.
E, sì, mia mamma usa Linux dal 2009.

Tags: , ,