LinuxJournal e la necessità di evoluzione ed adattamento per la sopravvivenza

Abbiamo parlato a lungo di Linux Journal, la testata storica che letteralmente dagli albori (venne fondata nel 1994) ha raccontato in maniera tecnica le evoluzioni del sistema operativo creato da Linus Torvalds nel 1991.

Abbiamo raccontato della sua morte e della sua risurrezione mentre oggi, tempo dopo questi eventi, parliamo di quali siano le lezioni che la redazione e gli autori della testata hanno imparato. In questo lungo articolo scritto da Kyle Rankin (autore storico del magazine), viene esaminata tutta la storia recente della rivista, e del mondo Linux.

Come cioè sono cambiati i tempi, l’editoria, la tecnologia ed il vivere l’informatica open-source negli ultimi 10 anni. Linux oggi gira dappertutto ed in particolare su device di cui non è ben chiaro quanto sia open e quanto non lo sia, semplicemente lo si usa. Chi avrebbe scommesso che buona parte del software open-source venisse scritto oggi su sistemi Microsoft o Apple? Eppure la realtà è questa:

In the past, technology was largely the domain of the nerds. These days, you’re just as likely to see popular kids, jocks and MBAs using technology and writing software. 

In passato la tecnologia era considerata roba da nerd. Oggi, bambini, atleti e studenti MBA [Master Business Administration] utilizzano tecnologia e scrivono software.

Non è dato di sapere se questo sia un bene o un male, ma è necessario prendere atto di questi cambiamenti ed adattarsi evitando di estinguersi, come, racconta Rankin, stava facendo Linux Journal.

La chiosa finale contiene le lezioni imparate, che riguardano chi nella community già era presente:

This will work only if you are welcoming to newcomers from all walks of life—not just people who are nerdy like you.

Questo [far funzionare il modello FOSS] funzionerà solo se i nuovi arrivati verranno accolti senza distinzioni, senza cercare per forza qualcuno che sia nerd come noi.

E chi invece è da considerarsi nuovo arrivato:

If you are a new member of the community, empathize with your nerdy cohorts!

Se sei un nuovo membro della community empatizza con i tuoi vicini nerd!

Sembra quindi che Linux Journal, una rivista che in questo articolo vuole essere associata all’intera community open, abbia imparato la lezione e voglia imprimere questa voglia di cambiamento per il futuro.

In bocca al lupo!

Tags: , , ,