Tutti i Chromebook supporteranno nativamente Linux da qui in avanti

Diciamo la verità, il peccato originale dei Chromebook di Google, laptop potenti ed economici basati su Linux, è stato il fatto di montare come sistema operativo Chrome OS. Non quindi una distribuzione Linux, ma un ambiente prodotto e manutenuto da Google accessibile e modificabile dall’utente medio limitatamente a quanto concesso da Mountain view.

Fortunatamente nel corso del tempo le cose si sono evolute. Si è iniziato a supportare applicazioni Debian/GNU Linux e si è continuato con il progetto Crostini che permetteva di installare Linux (beta) per Chromebook, ma l’utilizzo nativo del pinguino su questi device non è mai stato semplicissimo.

Le cose però sono ulteriormente (già) cambiate.

Nell’ultimo I/O, evento annuale di big G svoltosi da 6 al 9 maggio, Google ha comunicato ufficialmente come tutti i device Chromebook prodotti dall’annuncio in avanti saranno nativamente installabili con Linux.

Testualmente:

all devices [Chromebook] launched this year will be Linux-ready right out of the box.

tutti i device Chromebook prodotti quest’anno saranno pronti per Linux da subito

A quanto pare, come indica ZDNet, la modalità di installazione sarà semplicissima: basterà premere il tasto “Search/Launcher”, aprire il terminale e sarà possibile lanciare Termina, una virtual machine che lancerà il container di Debian 9 Stretch.

Quindi sì, abbandonate i facili entusiasmi: Google non ha annunciato che si potrà installare nativamente il sistema con una distribuzione Linux a scelta, semplicemente la modalità con cui i container di altri ambienti (compresi Ubuntu e Fedora) saranno eseguibili sarà molto più semplice.

La novità è il grado di interoperabilità nettamente accresciuto. Sarà infatti possibile effettuare port-forwarding, copia di file ed apertura dei file Chromebook mediante strumenti Linux (Gimp, LibreOffice, etc.).

Alla luce di tutto questo la domanda che ci siamo sempre posti rimane quindi aperta: vale la pena acquistare un Chromebook? Che ne pensate?

Tags: ,