Debian ha deciso: includerà firmware non-free nell’installer

6

Circa un mese fa davamo notizia di una votazione imminente all’interno del progetto Debian per stabilire se e in che forma software non-free dovesse essere incluso o meno nei dischi di installazione.

Le proposte sul campo si sono articolate, arrivando a 7, l’ultima delle quali comprende “nessuna delle precedenti”.

Le votazioni hanno avuto luogo ed abbiamo un vincitore (qui le statistiche, con anche grafici): l’installer sarà unico e conterrà il software non-free.

Se avete aperto il link, e non avete capito molto dei calcoli di spoglio elettorale, è perché non siete avvezzi al metodo “Schulze”. Infatti la votazione prevede che ogni votante non scelga solo una delle opzioni, ma ne possa scegliere più di una esprimendo la propria preferenza (qui i singoli voti, se siete curiosi). Il metodo Schulze individua quella preferenza più “potente”, ovvero quella capace di battere in un confronto diretto tutte le altre.

La decisione comporta anche una modifica al contratto sociale di Debian, proprio per permettere l’inserimento di tale software nell’installer, con la precisa specificazione che si deve trattare di firmware essenziale per il buon comportamento dell’hardware. Insomma: si cerca di limitare al minimo l’eccezione.

Riteniamo la scelta quella di più buon senso e praticità, anche perché avere immagini separate avrebbe articolato inutilmente l’offerta, mentre lasciare a margine (ovvero, in zona non ufficiale) quelle con software non-free non sarebbe stato pratico: chi, sapendo che con l’immagine ufficiale poteva avere problemi ma con quella non ufficiale risolverli, avrebbe scelto di usare la prima invece della seconda?

Noi no.

Ho coltivato la mia passione per l’informatica fin da bambino, coi primi programmi BASIC. In età adulta mi sono avvicinato a Linux ed alla programmazione C, per poi interessarmi di reti. Infine, il mio hobby è diventato anche il mio lavoro.
Per me il modo migliore di imparare è fare, e per questo devo utilizzare le tecnologie che ritengo interessanti; a questo scopo, il mondo opensource offre gli strumenti perfetti.