Le aziende sono convinte che l’AI cambierà il mondo DevOps, e intanto ChatGPT inizia a vedere, sentire e parlare

Un recente sondaggio, raccontato da DevClass, in merito all’impatto dell’intelligenza artificiale all’interno dei processi DevOps ha riportato una netta convinzione da parte delle aziende interpellate: indietro non si torna.

Il 57% delle persone interpellate ha infatti affermato come l’utilizzo dell’AI per l’analisi dei dati e l’ottimizzazione dei workflow incrementerà la produttività, mentre il 56% ritiene inoltre che la documentazione automatizzata e le risposte immediate miglioreranno la collaborazione tra i team di sviluppo, sicurezza e operazioni. Insomma, tra i team di DevOps.

Il 48% ritiene che gli snippet di codice generati dall’intelligenza artificiale faranno risparmiare tempo, e il 46% ritiene che l’analisi dei dati di osservabilità basata sull’intelligenza artificiale migliorerà le pipeline di rilascio delle applicazioni. La capacità di migliorare la qualità del codice generando casi di test è affermata dal 41%, mentre il 39% si aspetta strategie di rilascio, distribuzione e rollback più intelligenti attraverso l’analisi dei dati storici e il feedback degli utenti.

Non è quindi un caso il veder proliferare di progetti, e come sapete noi seguiamo principalmente quelli open-source, che mettono al centro l’AI. Foss Force ha raccontato della collaborazione tra la regione tedesca Schleswig-Holstein (la più a nord, che confina con la Danimarca) e Nextcloud (di cui abbiamo parlato pochi giorni fa raccontando della nuova versione versione di Nextcloud Hub) per l’aggiunta della generative AI all’interno della piattaforma, con dei veri e propri LLM (Large Language Model) locali focalizzati nell’ambito delle esigenze governative.

Insomma…

Buzz and Woody (Toy Story) Meme meme

E se vi state chiedendo in tutto questo cosa stia facendo ChatGPT beh, la risposta è “delle cose stratosferiche”.

Come racconta ArsTechnica, la nuova versione del popolare chatbot di OpenAI/Microsoft ha iniziato a vedere, sentire e parlare. Nella sequenza descritta all’interno dell’articolo ChatGPT riesce a guidare un utente nella riparazione di una bici, commentando e correggendo le immagini inviate.

Vedere per credere, la domanda:

https://cdn.arstechnica.net/wp-content/uploads/2023/09/chatgpt_multimodal_1.jpg

La correzione:

https://cdn.arstechnica.net/wp-content/uploads/2023/09/chatgpt_multimodal_2.jpg

Ed infine l’approvazione della “tool chain” 😀 :

https://cdn.arstechnica.net/wp-content/uploads/2023/09/chatgpt_multimodal_3.jpg

Pur precisando come “ChatGPT is not always accurate” la verità è che già quanto abbiamo mostrato è abbondantemente oltre ogni aspettativa in merito all’AI che si prevedeva anche solamente un anno fa.

E siamo solo all’inizio…

Da sempre appassionato del mondo open-source e di Linux nel 2009 ho fondato il portale Mia Mamma Usa Linux! per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo del pinguino, con particolare attenzione alle tematiche di interoperabilità, HA e cloud.
E, sì, mia mamma usa Linux dal 2009.

Tags: , , , ,