Dopo apt di Debian, anche PHP PEAR ha una vulnerabilità. Abbiamo un problema generale con i gestori di pacchetti?

Era solamente la scorsa settimana quando vi raccontavamo della vulnerabilità relativa ad apt, il package managed di tutte le distribuzioni Debian e derivate, scoperta e risolta in tempi brevissimi ed oggi siamo a parlare di una nuova vulnerabilità, stavolta relativa ad un altro package manager (PEAR) relativo ad un altro ambito (il linguaggio di programmazione PHP), che è ancora allo studio.

Il tutto è nato con questo thread Twitter:

Nel quale viene segnalato come esiste (o meglio esisteva, visto che il servizio è stato nel frattempo disabilitato) una linea che cerca di aprire una Shell in Perl verso un IP remoto.

È comunque possibile installare pacchetti PEAR utilizzando questo workaround:

Ma la questione rimane aperta: cosa succede quando un ambiente che si ritiene affidabile per antonomasia diventa insicuro? Come è possibile installare una patch quando ad esser stato compromesso è il sistema stesso di pacchettizzazione?

In entrambi i casi descritti (apt e PEAR) non paiono esserci state evidenze di violazioni delle informazioni o di sfruttamento delle vulnerabilità, ma questi due esempi potrebbero rappresentare un brusco risveglio così come lo sono stati Spectre e Meltdown nel caso delle CPU: nemmeno i sistemi di pacchettizzazione sono un luogo sicuro.

Ma lo sappiamo già vero? Rilassarsi non è cosa da informatici.

Da sempre appassionato del mondo open-source e di Linux nel 2009 ho fondato il portale Mia Mamma Usa Linux! per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo del pinguino, con particolare attenzione alle tematiche di interoperabilità, HA e cloud.
E, sì, mia mamma usa Linux dal 2009.

Tags: , , , , ,