Richard Stallman, fondatore della Free Software Foundation e del progetto GNU, ha annunciato di avere il cancro

1
GNU logo

È un Richard Stallman decisamente inedito quello apparso nelle foto che stanno apparendo sui vari canali open-source provenienti dallo GNU Hacker’s Meeting che si è svolto a Bienne, in Svizzera. Lasciati da parte i lunghi capelli e la lunga barba, che ne enfatizzavano lo status auto proclamato di profeta del Free Software, quello che appare nelle foto è un anziano signore che purtroppo ha annunciato di essere malato di cancro.

Il linfoma, il cancro di cui si è ammalato Stallman, colpisce il sistema linfatico, un componente del sistema immunitario del corpo, causando la crescita anormale delle cellule linfatiche. Esistono diverse varianti di linfoma, tra cui il linfoma di Hodgkin e il linfoma non Hodgkin, ognuna con caratteristiche diverse.

Come racconta Foss Force, queste sono state le parole pronunciate da Stallman in apertura del suo intervento, nel quale indossava una mascherina e ne spiegava la ragione:

Because there’s a certain chance you’ll get long Covid where you could have brain fog for the rest of your life. That was my original reason for protecting myself carefully from Covid. I don’t want those things to happen to me because I want to be capable of doing things that contribute, and long Covid could make that impossible. It could do it to you too, and that would be a shame.

But I have a worst problem now. I have cancer; it’s a kind of lymphoma. Fortunately, it can be managed. I’ll be around be around for many more years, so it hasn’t made a fundamental change in my life. I’m still working for free software and other causes I support separately, and I’m still involved in carrying the Gnu Project forward. So, that’s why I don’t have much hair anymore, but other than that I basically look the same when you get to see me with the mask off, which I do when I’m outside.

Perché c’è una possibilità concreta di sviluppare il “long Covid,” che potrebbe causare confusione mentale per il resto della vita. Questa era la mia ragione originale per proteggermi con attenzione dal Covid. Non voglio che queste cose mi accadano perché voglio essere in grado di fare cose che contribuiscano, e il “long Covid” potrebbe renderlo impossibile. Potrebbe succedere anche a te, ed è un peccato.

Ma ora ho un problema ancora più grave. Ho il cancro; è una forma di linfoma. Fortunatamente, può essere gestito. Sarò qui ancora per molti anni, quindi non ha apportato un cambiamento fondamentale nella mia vita. Sto ancora lavorando per il software libero e altre cause che sostengo separatamente, e sono ancora coinvolto nel portare avanti il Progetto GNU. Ecco perché non ho più molti capelli, ma a parte questo, in sostanza, assomiglio a prima quando mi vedi senza mascherina, cosa che faccio quando sono all’aperto.

Dopo aver condotto il talk, nel quale sono stati affrontati i problemi etici relativi all’intelligenza artificiale, altri dettagli sono stati pubblicati sul suo sito personale:

Richard Stallman has cancer. Fortunately it is slow-growing and manageable follicular lymphona, so he will probably live many more years nonetheless. But he now has to be even more careful not to catch Covid-19.

Richard Stallman ha il cancro. Fortunatamente è una forma di linfoma folliculare che sta crescendo lentamente e risulta gestibile, quindi vivrà molto probabilmente ancora per diverso tempo. Ma in questa fase deve stare più che attento a non contrarre il Covid-19.

Se una buona notizia c’è quindi per Stallman è che la situazione sembra gestibile. Al netto delle controversie attraversate negli ultimi anni, con le dimissioni dal MIT e dalla FSF in seguito alla posizione assunta nel caso Epstein (dimissioni che sono durate il tempo di un battito di ciglia), il contributo nei confronti del Free Software da parte di Stallman rimane innegabile (si veda la recente pubblicazione del manuale, liberamente scaricabile, sul linguaggio GNU C) e tutti noi siamo qui per augurargli lunga vita ed un grosso in bocca al lupo.

Da sempre appassionato del mondo open-source e di Linux nel 2009 ho fondato il portale Mia Mamma Usa Linux! per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo del pinguino, con particolare attenzione alle tematiche di interoperabilità, HA e cloud.
E, sì, mia mamma usa Linux dal 2009.