Marco Bonfiglio

Google invoca nuovi dischi per i datacenter

Google fornisce molti servizi in tutto il mondo, e per farlo ha data-center sparsi in tutto il globo; un elemento critico di queste strutture è lo storage, ovvero i dischi da cui leggere e su cui scrivere dati. E forte di questa esperienza ha presentato alcune relazioni all’ultima conferenza FAST (File And Storage Tecnologies), nelle quali affronta due temi interessanti:…
Read more

Novità da Canonical per Ubuntu: ZFS.

ZFS è un filesystem sviluppato nei primi anni 2000 da SUN per il suo sistema operativo Solaris, concepito per avere caratteristiche superiori agli altri filesystem (allora) disponibili, ovvero: limiti tecnici non raggiungibili nella pratica; facilità di manutenzione; supporto di tipo RAID integrato; consistenza e sicurezza dei dati; snapshot. Obbiettivi importanti ed ambiziosi, ma raggiunti: ZFS…
Read more

Rilasciato ReactOS 0.4.0, ovvero Windows opensource.

Dopo 10 anni dall’uscita dell’ultima release stabile, la 0.3.0, il 16 febbraio è stata rilasciata la nuova versione di ReactOS: 0.4.0. Prima domanda: cosa è ReactOS? Il progetto nasce nel 1998, e si pone come obbiettivo la piena compatibilità binaria con Windows NT; in particolare l’obbiettivo è dare la stessa user experience di Windows 2000 o Windows XP.…
Read more

Ancora su SCO Group

Continua la storia tra SCO Group e IBM. Per chi non la conoscesse più sotto un breve riepilogo Lunedì 8 Febbrario David Nuffer, giudice dello Stato dello UTAH, ha deciso su 2 delle 5 rimanenti istanze di SCO Group contro IBM, le quali si possono riassumere in “concorrenza sleale“: SCO accusa IBM di aver attivamente proposto…
Read more

CVE-2015-7547: il nuovo bug in glibc. E ancora per DNS.

Quasi a un anno di distanza da GHOST si presenta un nuovo bug, e sempre per la gestione delle risposte DNS. Non abbiamo un nomignolo per indicarlo (almeno non ancora), quindi useremo il codice che gli è stato assegnato: CVE-2015-7547. CVE-2015-7547 consiste nella possibilità di un malintenzionato di inviare ad una macchina remota codice tramite risposta DNS, e poi eseguire…
Read more

ARDUINO Tian

ARDUINO nasce ormai un decennio fa come strumento per la prototipizzazione veloce, ed effettivamente si è diffuso molto in ambito di domotica, robotica, elettronica. Gli elementi caratterizzanti di ARDUINO sono tre: un chip con CPU e memoria, ovvero in grado di memorizzare ed attuare un vero e proprio programma; l’interfaccia GPIO (General Porpuse Input Output), ovvero una serie di…
Read more

IBM LinuxONE: avanti tutta!

Del progetto di IBM per portare Linux su mainframe di classe enterprise ne avevamo già parlato, ed ora presentiamo un piccolo rinnovamento. IBM non si è limitata a migliorare ed aumentare la potenza hardware delle macchine dedicate al progetto, ma ha deciso di lavorare anche sul software usato o sviluppato con esse implementato alcune novità: ottimizzazione di Cloudant  –  database che memorizza le informazioni in…
Read more

Microsoft sempre più aperta: ChakraCore

Ormai da qualche tempo anche Microsoft ha capito che l’OpenSource può essere una risorsa, un modo per creare prodotti di qualità, o per migliorare dei prodotti già esistenti. L’ultimo esempio è ChakraCore: dopo averlo annunciato il 5 dicembre, il 13 gennaio Microsoft rende disponibile il codice sorgente su GitHub. Chakra è il nome in codice del motore Javascript usato dall’ultima…
Read more

Piacere, Ransom32!

Da qualche tempo il fronte dei malware si è arricchito di una specie particolarmente fastidiosa di software: il ransomware. Capostipite fu nel 2013 CryptoLocker, che attuava una semplice strategia: impedire l’accesso ai file, criptandoli, all’utente del pc, per poi chiedere un riscatto (ransom in inglese) per i file stessi; pena per non pagare il riscatto è la perdita definitiva dei file.…
Read more

HTTP Status: (Farenheit) 451

Quando navighiamo nel mare del WorldWideWeb, col nostro browser facciamo continue richieste ai server utilizzando il protocollo HTTP; tale protocollo è nato nei primi anni ’90, e come tutta l’informatica di allora (ma anche di oggi) usa dei codici numerici per identificare il tipo di risposta dei server. Per fare un esempio, il più frequente è il codice 404, che indica…
Read more