Autore: Raoul Scarazzini

RAID Software : Proteggere i dati con l’aiuto del kernel (4 di 5)

Nel precedente articolo è stato affrontato l’argomento della messa in RAID della partizione di root, partendo da un’installazione standard o da un sistema già esistente. In questa penultima parte della serie viene affrontato un case study relativo all’impiego di mdadm per la creazione di un sistema RAID 1 con disco estraibile.

RAID Software : Proteggere i dati con l’aiuto del kernel (3 di 5)

Nel precedente articolo sono stati illustrati i metodi per la messa in RAID di partizioni nei diversi livelli disponibili. Di seguito viene affrontata la messa in RAID della partizione root del sistema, sia nel caso di una nuova installazione, sia nel caso di un’installazione già esistente. Il tutto sempre grazie al software Linux mdadm.

RAID Software : Proteggere i dati con l’aiuto del kernel (2 di 5)

Nel precedente articolo sono state introdotte le diverse tipologie di RAID ed i concetti di parità per la gestione della ridondanza. Di seguito viene affrontata nel dettaglio la creazione e l’amministrazione dei RAID attraverso il software Linux mdadm per configurare il sistema in modo che gestisca i diversi tipi di ridondanza sui dischi disponibili.

RAID Software : Proteggere i dati con l’aiuto del kernel (1 di 5)

In questo saggio verranno analizzate le diverse tipologie di RAID esistenti e come queste possano essere implementate in Linux attraverso il kernel ed il programma mdadm. Attraverso poi l’illustrazione di due storie di successo, verranno presentate delle soluzioni di RAID che permettano di gestire dei backup programmati e di avere sistemi ad alta affidabilità che…
Read more

Rsnapshot: backup incrementale sincronizzato

Effettuare il backup di dati, siano questi parte di una rete e quindi condivisi, siano questi personali, è sempre un tema delicato ed importante. Molte volte però, il singolo backup non è sufficiente. In alcuni ambiti ci si può trovare nella condizione non solo di recuperare un dato corrotto o cancellato, ma di recuperarlo relativamente…
Read more

Un Nagios parlante con Festival !

     Nagios è universalmente considerato il tool di monitoraggio opensource numero uno sulla piazza. La sua duttilità lo rende uno strumento indispensabile per tutti gli amministratori di sistema che si trovano a controllare numeri elevati di macchine e che necessitano di notifiche tempestive a seguito di malfunzionamenti. Generalmente le notifiche dei guasti avvengono via mail…
Read more

RPM : Panoramica ed opzioni particolari

Le maggiori distribuzioni Linux relativamente alla gestione dei pacchetti si dividono generalmente in tre grosse categorie : Quelle che utilizzano i binari RPM (RedHat, SuSe, Mandriva e derivate); Quelle che utilizzano i binari Deb (Debian, Ubuntu e derivate); Quelle che in maniera diversa ricompilano i sorgenti (Slackware, Gentoo e derivate); Questo articolo si propone di…
Read more

Mia mamma usa Linux !

Niente è impossibile da capire se lo spieghi bene! E’ il motto di questo sito che si pone l’obiettivo di illustrare esperienze dirette nell’utilizzo di Linux in ambiti produttivi. Si può fare. E niente è più vero di questo. Tutti gli articoli pubblicati su MiaMammaUsaLinux.org sono il frutto dell’esperienza diretta di persone che hanno sperimentato…
Read more

Postfix in alta affidabilità e massima performance con heartbeat, LVS ed ldirectord (4 di 4)

         L’ultima fase del progetto prevede l’installazione di Postfix su tutti i real server ed il loro bilanciamento attraverso ldirectord. Postfix verrà configurato in modo che le caselle risiedano in un’area condivisa ed i profili dei domini e delle caselle vengano registrati in maniera centralizzata all’interno di un database MySQL. Il tutto verrà gestito dall’interfaccia…
Read more

Postfix in alta affidabilità e massima performance con heartbeat, LVS ed ldirectord (3 di 4)

         La terza fase del progetto prevede la creazione di un servizio bilanciato su una batteria di real server. Verrà trattato il bilanciamento di un servizio di test (Apache 2) per verificare che il carico venga correttamente distribuito sui real server che fanno parte del Linux Virtual Server.